Chi siamo

PER RICORDARE UN VIAGGIATORE NEL MONDO E NEL CICLONE DELLA STORIA

Perchè ARGO ?

La nostra associazione culturale, Associazione Ricerche Gaudio Odissea, A.R.G.O., prende il nome dalla vita e dai molteplici interessi di un giornalista, viaggiatore e scrittore scomparso tragicamente il 12 luglio 2002, Attilio Gaudio.
Questa denominazione vuole ricordare l’essenza delle sue diverse attività e del suo lavoro attraverso l’evocazione della mitologia delle esplorazioni: la nave degli Argonauti alla ricerca del vello d’oro nel Mar Nero, l’avventuroso viaggio di Ulisse al di là delle colonne di Ercole, e infine il fedele cane dell’Odisseo.
Poiché Gaudio è stato anche e soprattutto esploratore, in tempi non lontani in cui un viaggio alle Maldive era un’impresa e l’attraversamento del Caucaso in Lambretta una follia.
Siamo la sua famiglia, con alcuni suoi amici, collaboratori e ammiratori di un uomo che ha voluto essere, innanzi tutto, “cittadino del mondo”.
Speriamo che questo gruppo iniziale cresca e prosegua i progetti e gli studi che il destino ha bruscamente interrotto. E speriamo, come abbiamo scritto presentando il libro sulle biblioteche del Sahara(1), uscito postumo nel novembre 2002:

Que le vent et le sable ne cachent plus ces manuscrits
Dans ce désert que tu as tellement aimé
Que le temps n'efface pas ton travail
Que ta mémoire vive par nous
Ta femme et tes enfants

Con Attilio abbiamo condiviso viaggi, lavori, interessi, ideali, ma anche delusioni e amarezze. Alla soglia dei settant’anni, Gaudio conclude il suo libro autobiografico(2) con queste parole:
Mi sento sovente stanco, sfiduciato, interiormente teso e intellettualmente roso. Ma non mi posso fermare. Non ho trovato il mio porto, non di attracco ma di carenaggio, insomma non so chi e cosa potrebbe aiutarmi a dipanare i nodi gordiani di una vita di ricerche e di problemi ideologici irrisolti.
Ma poi si riaccende la speranza con il ricordo di un proverbio cinese e una domanda:
… se vuoi essere felice tutta la vita coltiva un giardino. Ma dove?
Il suo “giardino” è il Sahara. Per questo noi vogliamo continuare la sua opera.

(1) Les bibliothèques du désert, Ed. L'Harmattan, Paris, 2002

(2) Una vita nel ciclone della storia – Dalla lotta partigiana al Terzo Mondo, Ed. L’Harmattan Italia, Torino, 1998


Attilio Gaudio in Somalia
(anni 70)

A.G., corrispondente dell’ANSA, intervistato ad Abidjan dal giornalista Fologo per il quotidiano locale
(Fraternité Matin 1973)

Attilio Gaudio a Rabat
(anni 90)
 

Statuto

ASSOCIAZIONE CULTURALE E DI RICERCA IN MEMORIA DI ATTILIO GAUDIO E DELL'ODISSEA COME CAMMINO DELL'UOMO - ARGO

L’Associazione Culturale Attilio Gaudio-A.R.G.O., è stata costituita il 3 aprile 2004 e registrata a Milano con n° 002198.

L’Associazione, laica, indipendente e senza scopi di lucro, intende:

diffondere e tutelare l’opera di Attilio Gaudio, il suo nome, la sua immagine e la sua memoria;

promuovere iniziative culturali e realizzare progetti di sviluppo nei paesi del terzo mondo in linea con le attività professionali e gli ideali di Attilio Gaudio;

collaborare con enti e/o associazioni pubbliche e private che perseguano gli stessi obiettivi;

contribuire alla diffusione, alla protezione e alla valorizzazione del patrimonio culturale, morale e materiale delle minoranze etniche;

favorire incontri, studi e ricerche in tutti gli ambiti in cui si è sviluppata l’attività professionale e scientifica di Attilio Gaudio, e in particolare il Sahara e il Sahel.

Per il conseguimento dei propri scopi, l’Associazione può stipulare contratti o accordi con soggetti o enti pubblici o privati, italiani o stranieri, e compiere ogni attività a ciò connessa.

Si propone inoltre di richiedere la collaborazione di esperti in vari ambiti, come antropologia, archeologia, preistoria, ecologia, restauro di manoscritti, biblioteconomia, cultura araba e berbera.

E ricordare quello che i versi significativi di Tahar Ben Jelloun evocano, insieme al soffio immortale del deserto:

L’homme qui, du désert, connaît le secret, ne peut vieillir.
La mort viendra, tournera autour de la dune puis repartira…
… La liberté aura son visage, sa voix et sa folie.


Attilio Gaudio durante una conferenza
(2002 - Brescia, Italia)

News

  • UN MISURATORE SOLARE PREISTORICO

    L’archeologa  Mercedes Versaci (Gruppo PAID HUM-812 del dipartimento di Preistoria dell’ Università di Cadice) ha scoperto – in  una grotta della Sierra della Plata, punta meridionale della penisola iberica vicino a Gibilterra - una pittura rupestre che funge da indicatore solare. Una scoperta finora unica in Spagna. Stava preparando una tesi (dal titolo “El sol, símbolo de continuidad y permanencia: un estudio multidiscilpinar sobre la figura soliforme en el arte esquemático de la provincia de Cádiz”) nella zona intorno alla laguna de La Janda, (oggi a secco) nel comune di Tarifa, dove sono stati registrati circa trecento rifugi preistorici con pitture rupestri. In ventidue di essi  appare una figura a forma di sole.

    Ma nella Cueva del Sol (una piccolissima grotta di difficile accesso ma molto visibile) la studiosa ha scoperto un disco di 24 centimetri, geometricamente perfetto, con dodici raggi orientati verso il calar del sole. E l’unico raggio  dipinto coincide con  l’ultimo filo di luce del crepuscolo del solstizio d’ inverno. Quindi una specie di calendario agricolo per sapere quando le giornate avrebbero iniziato ad allungarsi e seminare, quando le piante sarebbero cresciute insieme al sorgere del sole più presto ogni giorno, quando ci sarebbe stato il raccolto, quando la terra avrebbe avuto un periodo di riposo. E questo ciclo si sarebbe compiuto al successivo solstizio d’inverno per ricominciare. Quindi una concezione del tempo circolare e una pittura rupestre risalente molto probabilmente alla preistoria recente, quando l’uomo già praticava l’agricoltura. Infatti le piante sono rappresentate in altre grotte con figure ramiformi e associate a idoli per rituali magici.

                               

    Fonte: europasur.es | 22.01.2017 - Red Española de Historia y Arqueologia

     

     

     

  • Migrazioni e incroci di Homo

    Browning et al./Cell - Il grafico mostra le migrazioni dei Denisoviani  in Asia e Oceania, e ipotizza genomi misti con Neandertaliani e sapiens moderno.

    Infatti, da quando è stato analizzato nel 2010 il genoma dell'Homo di Denisova (a partire da pochi fossili: una falange e due molari), sappiamo che alcune popolazioni dell'Oceania (Papua, Nuova Guinea, isole Cercanas) contengono nel loro DNA il 5% di quello di Denisova. Anche le popolazioni dell'est e del sud dell'Asia contengono lo 0,2% del DNA denisoviano, ma sembra che questo sia dovuto a migrazioni (e quindi incroci) delle popolazioni oceaniche verso il continente.

    Uno studio, pubblicato dalla rivista Cell, ha effettuato le sue ricerche in merito grazie ad un nuovo metodo di analisi, basato sui dati dei progetti "UK10K, 1000 Genomi e Differenze dal Genoma Simons" (specie di catalogo di genomi di 300 individui appartenenti a 142 diverse popolazioni). Quindi gli umani moderni (Homo sapiens sapiens, Neandertal e Denisova) sono esistiti nelle stesse epoche, incrociandosi e scambiandosi porzioni di DNA. Ma erano umani geneticamente diversi, pur avendo un antenato comune (che si pensa sia esistito per un milione di anni, e sia originario del continente africano). 

    Quanto a Spagnoli e Italiani, abitanti nell'estremità meridionale dell'Europa, si può affermare che nel loro DNA non esistono geni denisoviani, e che la percentuale di geni Neandertaliani è molto bassa (in base ai 5.639 individui esaminati).