12-15 giugno 2013. L'Associazione Culturale Berbera di Milano*organizza anche quest'anno una serie di eventi con dibattiti, proiezione di film e documentari, e un dramma storico sulla capitolazione delle Canarie davanti ai conquistadores.

Il cantautore Ammouri Mbarek - ll libro di Attilio Gaudio: Uomini Blu, il dramma dei Tuareg tra storia e futuro - Attilio Gaudio con i Tuareg del campo profughi del Burkina (1993)

Leggi tutto...

Parchi transfrontalieri (fonte Africa, SMA) - Rinoceronte ucciso nel Kruger Park (fonte:www.timeslive.co.za/incoming) - Rinoceronti in libertà in Sudafrica (Foto La Presse – 11/01/2012)

20-02-12 - E’ strage di rinoceronti africani. Nel Parco Kruger, il più importante parco sudafricano, a cavallo del confine con il Mozambico, sono state ritrovate le carcasse di otto animali, cui era stato rimosso il corno.

Leggi tutto...

5 luglio 2012 "

50e anniversaire de l'indépendance de l'Algérie" (Fonte: El Watan.com)-Libro di A.Gaudio (autobiografico)

E' stata una giornata di celebrazioni in Algeria per festeggiare i cinquant’anni dell’indipendenza dalla Francia, proclamata il 5 luglio del 1962. E per ricordare il primo luglio1961, quando sei milioni di algerini votarono in massa per l'indipendenza, dopo 132 anni di permanenza francese e dopo la guerra più sanguinosa della decolonizzazione africana.

Leggi tutto...

Milano, 10 novembre 2012 Moneta in ferro degli Afo, Nigeria(fonte:www.arts-ethniques.com)

Organizzata dal CSAA (Centro Studi Archeologia Africana *) si è tenuta sabato 10 novembre 2012, presso il Museo di Storia Naturale di Milano, una conferenza sulle monete africane etniche tradizionali.

Leggi tutto...

Logo dell'associazione Is.I.A.O., fondata nel 1995

11 aprile 2012 - Una notizia passata quasi inosservata, che il CSAA (Centro Studi Archeologia Africana, www.csaamilano.it) definisce "testimonianza dei tempi", è la recente decisione del Ministero degli Affari Esteri di porre in liquidazione coatta l'Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente. ... ( segue )


 

2012-01-28 / 2012-09-30 VERONA, Museo Africano ARTE AFRICANA: COSMO, UMANITA' ED ETERNO RITORNO

"Ogni nascita è la rinascita di un antenato. Io sono un anello della catena degli uomini, e devo trasmettere ai miei discendenti la vita che io stesso ho ricevuto dai miei genitori, e che non mi appartiene". E' la filosofia dell'eterno ritorno nell'incontro con gli antenati, in vista di una rinascita della vita stessa. Così la tradizione orale africana ... ( segue )


2012-04-19 MILANO - LIBIA INEDITA

Il professor Vermondo Brugnatelli dell'Università Bicocca (Dipartimento di Scienze Umane R.Massa) ha presentato il 19 aprile a Milano il suo ultimo lavoro, fresco di stampa, presso la "Libreria del Mondo Offeso"*, dal titolo: Libia Inedita, paralipomeni della tirannomiomachia (...). Cosa è successo in Libia e perchè?, si chiede l'autore. "Quando, nel febbraio del 2011, ... ( segue )


2012-02-17 / 2012-04-27 FIRENZE L'AFRICA E LA SUA CULTURA

L'Associazione Transafrica, in collaborazione con la Biblioteca delle Oblate,(Sala Contemporanea della Biblioteca delle Oblate, via dell'Oriuolo 26, ore 17,30) ha organizzato un breve ciclo di incontri per favorire la conoscenza dell'Africa e della sua cultura, e combattere i pregiudizi. "L'anno trascorso, scrive Transafrica, è stato ... ( segue )


2012-02-01 MASSIMO BAISTROCCHI AMBASCIATORE AFRICANISTA SI E' SPENTO

Due giorni fa, la triste notizia dalla Namibia, da parte di Adriana e Allegra, moglie e figlia di Baistrocchi: “E' con tristezza e con dolore che vi comunichiamo la scomparsa di Massimo avvenuta a Windhoek il 22 gennaio". Della Namibia Massimo si era innamorato, tanto da trascorrervi parecchi mesi all'anno. (...) ed è così che Attilio Gaudio l'ha conosciuto ed ha mantenuto i contatti per oltre trent'anni. ... ( segue )


2011-12-13 CANARIE: GAUDIO E CUBILLO

Antonio Cubillo, giornalista e avvocato a Tenerife, grande vecchio amico di Attilio Gaudio, lo ricorda spesso nelle sue pubblicazioni, anche perché alle Canarie molti lo hanno conosciuto fin da quando, giovane esploratore, visitò nel lontano 1958 le sette isole e scrisse Epiques et douces Canaries (ed. René Juillard), iniziando il libro con l’epopea guanche. Nel suo ultimo articolo, pubblicato su El Día (sezione Canarias) il 12 dicembre 2011, Cubillo scrive che, dopo aver inviato al suo giornale un articolo sull’isola di Hierro... (segue)


2011-12-12 MAS SOBRE LA ISLA HERO, RESTINGOLITA Y EL VIDRIO LIBICO - Antonio Cubillo Ferreira *

Cuando el pasado miércoles envié al periódico EL DÍA el artículo "Apoyo mutuo a El Hierro", que apareció el pasado jueves 30 de noviembre, en la página 21, me dio por leer el libro ... (segue)


2011-12-12 CONFERENZA DI DURBAN E L’ANNO INTERNAZIONALE DELLE FORESTE

Il vertice di Durban (diciassettesima Conferenza dell’ONU sul clima, COP 17) è terminato dopo dodici giorni di dibattito e una discussione finale che si è prolungata di 36 ore oltre il previsto. Fino all’ultimo ha rischiato di naufragare per l'opposizione dei paesi più inquinanti, come Stati Uniti, Brasile, e soprattutto Cina e India, ... (segue)


2011-11-05 IL FABBRO TERAPEUTA MOAGHA DEL BURKINA FASO

L’antropologa Lidia Calderoli (Laboratoire d’Anthropologie Sociale di Parigi-Università di Milano Bicocca) ha tenuto una conferenza il 5 novembre 2011, nell’aula magna del Museo Civico di Storia Naturale di Milano, dal titolo: Il fabbro terapeuta. Un’esperienza sul campo in un villaggio del Burkina Faso. (...) Nella comunità mossi, la casta dei fabbri occupa un posto speciale. I fabbri moose si definiscono “uomini di pace”, in quanto ... (segue)


2011-10-30 IN RICORDO DI GASTONE ORTONA

Sono passati cinque anni dalla morte del giornalista livornese Gastone Orefice Ortona, che si è spento a 84 anni nella clinica S. Rossore di Pisa, dove era stato ricoverato dopo che, all’inizio dell’anno, era stato operato a New York. Era l’autunno del 1967 quando ho conosciuto Gastone Orefice e sua moglie Lea a Parigi. (...) E fin dal primo incontro si è creato tra noi quel legame magico, quella rara amicizia che è durata, e dura, tutta la vita. Gastone e Attilio ... ( segue)


2011-10-287 / 2012-09-30 MILANO, Castello Sforzesco - ARTE AFRICANA

Il Centro Studi Archeologia Africana (CSAA, www.csaamilano.it) segnala un appuntamento per gli appassionati dell'arte africana. Il 26.10.2011, alle ore 18,00, presso la Sala Castellana del Castello Sforzesco di Milano (Corte Ducale, www.milanocastello.it) si inaugura la mostra "Mal d'Africa. Alessandro Passaré, la costruzione di una collezione". (www.fondazionepassare.com). "E' un'occasione per ritrovarsi, per ricordare un amico con il quale abbiamo condiviso sogni e passioni e conoscere la Fondazione Passare' che continua quel lavoro".


2011-09-30 / 2011-11-05 FIRENZE: MUSICA DEI POPOLI

Dal 30 settembre al 5 novembre si è svolta a Firenze la XXXVI edizione di “MUSICA DEI POPOLI” dal titolo “Suoni d’Africa e d’Oltremare “, insieme ad altre iniziative, come come MusicAfrica e AfroContest. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - http://www.musicadeipopoli.com/it/home.


2011-06-28 CANARIE: SANGUE DI DRAGO E LEUCEMIE

Recenti studi farmacologici sulla flora endemica delle isole Canarie hanno portato alla scoperta di potenziali farmaci contro il cancro. In questo arcipelago africano l’evoluzione ha determinato la presenza in ogni isola di particolari ecosistemi e di specie animali e vegetali esclusive, custodite gelosamente grazie all’isolamento e perciò preziose per la scienza. Dalla radice del “drago” delle Canarie, ... (segue)


2011-06-08 - SCOMPARSA LA GIORNALISTA KATIA SABET

Un’altra persona, tra gli amici e colleghi di Attilio Gaudio, è scomparsa in aprile 2011: Katia Sabet, giornalista, scrittrice e professore universitario. Aveva conosciuto, nei primi anni cinquanta, il giovane Gaudio, che era stato incaricato per ricerche etnografiche all’oasi di Siwa, ... (segue)


2011-05-12 - ABIDJAN: OUATTARA PRESIDENTE, RIPARTE IL CACAO

Dopo mesi di blocco delle esportazioni, le spedizioni di cacao dalla Costa d’Avorio sono riprese. Una nave del gruppo francese Balloré ... (segue)


2011-01-15 - COSTA D'AVORIO, CRISI POLITICA E SANGUINOSI DISORDINI

Le elezioni presidenziali in Costa d’Avorio, rimandate più volte per cinque anni, hanno finalmente avuto luogo alla fine del 2010. Ma ... (segue)

 

News

  • Stop allo sviluppo ecocida?

    Se tutti conoscono il significato della parola ecologia (dal greco casa, ambiente e discorso, studio), delle sue branche scientifiche e dei vari termini derivati, l’ecocidio può apparire misterioso. Anche perché tra i primi significati su internet si trova un concetto minaccioso (espresso da Jeremy Rifkin nel suo saggio omonimo): “ascesa e caduta della cultura della carne”. In realtà ecocidio significa distruzione dell’ambiente naturale, danno ambientale esteso. E Rifkin, partendo dalla sacralizzazione dei sacrifici umani e animali, basandosi su dati antropologici, ecologici, economici, afferma che l’evoluzione del consumo della carne nei paesi occidentali industrializzati porta malattie, enormi squilibri ambientali, spreco di grandi quantità di cereali, aumento di povertà e fame nei paesi del terzo mondo. Anzi, studiando in particolare l’evoluzione della geografia agricola della Francia, ritiene che la propensione ecocida della popolazioni rurali prima della Rivoluzione Francese abbia coinciso che la prima ondata sconsiderata dell’industrializzazione moderna

    . Siccità in Somalia (foto Attilio Gaudio, circa 1960)

    Di modello di sviluppo ecocida si parlerà martedì 07 febbraio 2017 a Verona (Nigrizia, Sala Africa dei Missionari Comboniani, Vicolo Pozzo 1 – ore 20,30). Ad affrontare il tema sarà Stefano Squarcina, esperto di politiche ambientali e di cooperazione allo sviluppo, in particolare con l’Africa. Le attività economiche umane rappresentano sempre più un pericolo per la sopravvivenza dei viventi e del pianeta stesso. E’ urgente mettere in pratica le misure sottoscritte da oltre 190 paesi dell’ONU negli accordi di Parigi nel 2015. In precedenza, infatti, lo Statuto di Roma (Art.8, 2b, iv) della Corte penale internazionale (firmato nel 1998, entrato in vigore nel 2002 e modificato nel 2010) non aveva incluso l’ecocidio tra i “crimini internazionali contro la pace” insieme al genocidio; si erano opposti Regno Unito, Usa e Paesi Bassi. I danni “diffusi, duraturi e gravi all’ambiente naturale” erano stati inseriti tra i crimini di guerra. Quindi l’ecocidio sarebbe un crimine in tempo di guerra ma non in tempi di pace.

    Ma i rifugiati climatici nel mondo sono ormai più di 180 milioni. Deforestazione, siccità, distruzione delle zone umide, erosione dei suoli e conseguente ulteriore impoverimento delle popolazioni hanno raggiunto in Africa dei livelli di criticità mai conosciuti nella storia dell’umanità. Durante l’incontro di Nigrizia verranno discusse misure per combattere il “debito climatico”, azioni a favore della “giustizia climatica” (ad esempio riorientamento della fiscalità a fini climatici o transizione energetica), nuove forme e meccanismi di finanziamento della politica di cooperazione internazionale, soprattutto europea, verso l’Africa e altre aree del pianeta. Occorre ripensare le politiche di intervento nei paesi impoveriti, favorire un’agricoltura sostenibile, la decarbonizzazione dell’economia, la protezione e democratizzazione dell’uso delle risorse idriche potabili e non, la lotta alle emissioni di gas ad effetto-serra, alla deforestazione, ecc... Il problema non presenta solo aspetti climatici, politici e macroeconomici, ma anche etici e sociali a tutti i livelli, come il land grabbing (acquisizione su larga scala di terreni agricoli soprattutto in paesi in via di sviluppo) la costruzione di grandi dighe, lo spostamento di grandi masse di popolazione, l’esproprio di aree tribali o di piccoli appezzamenti preziosi l’autosufficienza alimentare, la dipendenza dalle sementi ogm, le estese monoculture per la produzione di materie prime o biocarburante per i paesi ricchi, la delocalizzazione delle grandi industrie, persino i parchi nazionali con ambigua protezione di flora e faura ma con bracconaggio commerciale e privazione dei diritti di caccia tradizionali dei nativi … infine la globalizzazione.

  • L'Africa che scompare: i Pigmei Babinga

       (foto L.Rosa) 

    "Addio BaBinga, piccoli uomini della foresta": così s'intitola il nuovo lavoro di Lucio Rosa con la moglie Anna.

    Regista, documentarista, giornalista, fotografo, Rosa ha raccolto e commentato le sue storiche foto-documento in bianco e nero scattate trent'anni fa nella Repubblica Popolare del Congo, Africa Equatoriale.  Foto che saranno oggetto di una mostra  programmata per fine estate a Bolzano. Inaugurazione il 9 o 10 settembre 2019 in via Orazio, Espace La Stanza, dove l'anno scorso (febbraio 2018) si era tenuta un' altra mostra fotografica dal titolo "Antiche architetture berbere. Lybia by Lucio Rosa".  Anche qui foto sempre (o quasi) in bianco e nero, che per Lucio "è il colore base della fotografia. Soprattutto certe foto, devono essere fatte di luci e ombre, più che di colori".

    In Libia questo artista della luce ha "catturato architetture incredibili, soprattutto a Ghadames", dove ha girato anche un film dal titolo "Con il fango e con la luce". In Congo invece è l'elemento umano che fa da protagonista, anche perché queste foto sono un addio: "addio in un quanto, pur esistendo ancora i BaBinga, ed essere ancora "piccoletti", dice il regista, la loro cultura, le loro tradizioni, sono ormai "perdute" per sempre. I BaBinga, come anche altri Pigmei, sono usciti dalla foresta per vivere accanto e con i Bantu, in un rapporto che li vede sicuramente perdenti. Con le fotografie ho documentato le ultime testimonianze di questo fragile microcosmo, di cui ho voluto cogliere la sua anima originaria."

    Nella foto in alto (gentilmente concessa dall'Autore come quella in basso), vediamo tre generazioni: il bambino, l'adolescente e l'adulto nel loro habitat tradizionale. Ma per quanto tempo? Superstiti testimoni di epoche antichissime, i pigmei Babinga continuano ad essere studiati soprattutto per definire gli elementi originari e genetici della loro civiltà, che probabilmente ha costituito il substrato africano preistorico nella vasta area del Sahara centrale, dagli altopiani orientali all'Atlantico. Furono poi respinti nelle aree forestali più impervie dall'espansione del gruppo negroide, parzialmente fondendosi con questo nelle aree marginali.

    Questi piccoli uomini sono dunque la testimonianza di quella che fu probabilmente la vita dei cacciatori-raccoglitori della preistoria. La buia e impraticabile foresta equatoriale ha contribuito a proteggere le loro caratteristiche. Oltre ai TYwa e Tswa, sostanzialmente pigmoidi anche se meticciati con elementi negroidi, si distinguono due raggruppamenti, considerati i più "puri": i Mbuti o Bambuti, suddivisi in alcune famiglie che nomadizzano nel bacino dell'Ituri, e i BaBinga o Binga, con  numerose tribù, praticamente sedentari nel bacino del basso Oubangui fino alla sua confluenza con il Congo.

    I Pigmei non vanno considerati semplicemente dei Neri in miniatura. Le loro caratteristiche somatiche e genetiche li collocano in un gruppo peculiare, con una propria differenziazione e una conformazione che per le proporzioni ricorda abbastanza da vicino quella di un bambino nella prima infanzia (fenomeno di isolamento o neotenia?): statura molto piccola (media oscillante da 1,37 m a 1,45 m); cranio tendenzialmente brachimorfo; pelle di colore giallo-rossiccio più o meno scuro, ma non nero; occhi castani; capelli corti e crespi; barba ben sviluppata; labbra pronunciate; naso decisamente platirrino; tronco relativamente lungo rispetto agli arti inferiori che appaiono brevi; arti superiori piuttosto lunghi, frequenza di un fattore glubulinico specifico e di gruppi sanguigni A e B più alta rispetto a quella del gruppo negroide, minore pelosità, presenza di un fattore glubulinico specifico, infine bassa incidenza di anemia falciforme.